L'isola felice

C'è chi vede le cose che esistono e si chiede perchè... io vedo le cose che non esistono e mi chiedo perchè no... Forum dedicato ai sognatori, ai visionari, a coloro che hanno qualcosa da esprimere... a coloro che sono creativi.


    Pagina Uno

    Condividi
    avatar
    Admin
    Admin

    Messaggi : 41
    Data d'iscrizione : 02.04.08
    Età : 28

    Pagina Uno

    Messaggio  Admin il Lun 7 Apr - 16:04

    In questo primo post, scriverò l’incipit di un racconto.
    Coloro i quali hanno voglia di scrivere, intervengano e continuino secondo le loro intuizioni la storia.
    Non c’è una maniera giusta o sbagliata per continuare.
    C’è solo la creatività.
    Man mano, interventi su interventi, la storia prenderà forma.
    Molto volentieri, interpretando il pigmalione di turno, io mi prenderò l’onere e l’onore di raccogliere i post più interessanti e di metterli tutti insieme.
    Qui di seguito, troverete Pagina Uno del racconto.



    Dopo aver estratto dalla sua inseparabile sacca il borsello, pagò il locandiere. Caspita quanto costava alloggiare lì. Meno male che aveva trovato un compagno di viaggio, altrimenti si sarebbe spremuto come un limone e sarebbe morto di noia. Puntò gli occhi al cielo: la seconda luna era già tramontata, e si apprestava a tramontare anche la terza. Viaggiare a quell’ora non era certo il massimo. Una brezza gli volava tra i capelli, rossi come il fuoco, che accompagnavano un viso dall’aspetto regale, con quegli occhi gialli che rendevano il volto uno tra i più apprezzabili di tutto Flaggar, il suo paese d’origine. Inutile dirlo, era un uomo di mondo. In queste terre desolate della Perbèzia non stava bene, un ragazzo come lui. Delle persone reduci dall’incidente nucleare del ‘56, era senza dubbio venuto fuori magistralmente: bello, forte, carismatico ed intelligente. E pensava alla sua cara Vidulya, la ragazza elfica di cui si era innamorato. Si diceva che avesse dei capelli grigio perla lunghi fino ai fianchi e degli occhi sul verde che facevano risaltare il suo viso tanto gracile e dolce. Dopo circa un’ora di cavallo arrivò alla base aeronautica di Lupar, dove c’era McCarthy che lo aspettava. Dava un impressione molto strana vedere tanta tecnologia su quel mondo, il più magico per eccellenza. Dopo aver salutato il suo amico poliziotto interstellare, salì al suo fianco sul nuovo Protojet 9800 di ultimissima fabbricazione. Vanto dell’industria SPEED&SECURITY, per quell’anno, il 2291, era una rivoluzione. perché oltre ad avere i razzi di spinta doppi, ed un serbatoio di super propellente per il turbo, aveva dei mitragliatori laser sotto le ali, e questo lo rendeva sicuro per i viaggi relativamente lunghi, in modo tale da avere una difesa per le emergenze.

    Tre… Due… Uno… Partiti. Un rumore assordante pervadeva tutta la pista, e ben presto erano schizzati nello spazio. I due amici cominciarono a parlare, e a raccontarsi dei diciotto mesi passati senza vedersi. L’unico pensiero di Yonivsky era Vidulya, mentre McCarthy non faceva che pensare al Master Council e alla sua scelta a proposito delle nuove reclute. Non era mai successo che gli orchi venissero accettati nell’esercito. La loro impulsività era sempre stata nota, ed invece eccoli là. A rovinare un corpo che era di per sé perfetto.

    James McCarthy, classe ‘69. Arruolatosi nel corpo militare nell’ 89, passò l’anno successivo alla polizia interstellare, principalmente per il suo desiderio di libertà e per la sua passione per la moto spaziale. Era il lavoro giusto per un giovane intraprendente, che coraggio ne ha abbastanza da vendere, ma con quella sua faccia che rovinava un po’ tutto. Dire che fosse brutto è esagerato, ma non si può certo dire che fosse benvoluto dalle ragazze. Lui era un umano nativo della terra. Era difficile trovarne nell’immensità dello spazio. Discendeva da Samuel McCarthy che assassinò nel ‘21 il Master del Consiglio. C’era sempre stata violenza in famiglia, che col passare del tempo si è stabilizzata dalla parte della legge, ma che continua ad essere famosa per la sua voglia permanente di vendetta. Sflaterz Yonivsky stava bene con lui, anche perché condividevano molte passioni e soprattutto l’amore per la tecnologia ed il rifiuto della magia.


    Postate le vostre continuazioni ed i vostri commenti.

    Quando questa parte si riterrà conclusa, verrà chiusa e ne verrà aperta un'altra.

      La data/ora di oggi è Mar 25 Set - 9:40